IL MERCATO LATTIERO-CASEARIO SETTIMANA 27 NOVEMBRE -3 DICEMBRE 2020

IL MERCATO LATTIERO-CASEARIO DI QUESTA SETTIMANA

Mercato caratterizzato dal fatto che la prossima sarà una settimana corta. 
– Sul mercato nazionale, ancora buona la domanda di latte crudo trattato a 0,35-0,36 €/kg partenza; domanda stabile con quotazioni leggermente in calo per lo scremato a 0,21-0,22 €/kg, un po’ in calo quelle della crema nazionale di qualità che viene trattata in alcuni casi anche addirittura da 1,68 €/kg partenza, ma vi sono anche vendite a bollettino +. 
Continua la grossa offerta di un po’ tutti i prodotti sul mercato estero, con molto latte crudo che da certe origini viene offerto a 0,35-0,36 €/kg arrivo; continua il ribasso dello scremato che addirittura è stato trattato a 0,20 €/kg arrivo. Crema leggermente calante  trattata tra 1,60 e 1,65 €/kg arrivo a seconda delle origini. 

– Bollettini del burro invariati in Olanda e Germania, il primo a 3,30 €/kg, il secondo a 3,30 €/kg il minimo e 3,50 €/kg  il massimo. In leggera diminuzione il bollettino francese che dopo un calo di € 0,02  si porta a 3,30 €/kg. 
Questa settimana, il prezzo medio dei tre Paesi che prendiamo in considerazione è 3,33 €/kg. 
Il mercato resta anche questa settimana superiore alle quotazioni ufficiali dei bollettini, con offerte per burro congelato che permangono tra 3,40 e 3,45 €/kg. Ancora poca la disponibilità di burro fresco. 

– In Germania e Olanda aumentano il latte in polvere scremato e l’Olanda aumenta anche l’intero. Invariato su questi due bollettini lo scremato per uso zootecnico. La Francia, invece, tiene tutte le voci invariate. 
Sul mercato, la situazione dei prezzi è alquanto invariata, con i venditori che chiedono sempre livelli più esosi di quello che poi accettano. Malgrado le richieste superata la soglia di 2.300 €/Ton arrivo. 

– In aumento i bollettini del siero in polvere per uso zootecnico in Germania e Olanda, invariato quello per uso alimentare in Germania e lo zootecnico in Francia. – Prosegue la crescita delle quotazioni dei formaggi duri nazionali DOP nelle Borse Merci italiane.
Quotazioni medie europee stabili per l’Emmentaler a 4,79 €/kg, in aumento per il Cheddar a 3,10 €/kg e l’Edamer a 3,15 €/kg, in calo per il Gouda a 3,18 €/kg.   
Dopo la consueta tabelladei prezzi settimanale, segue approfondimento sulla produzione di latte dei principali Paesi esportatori e l’export di Nuova Zelanda e Argentina.

Week 49Week 48Week 47Week 46
BURRO (D)3,30 – 3,503,30 – 3,503,35 – 3,503,35 – 3,55
BURRO IMPACCHETTATO 250 GR (D)3,80 – 4,003,80 – 4,003,80 – 4,003,80 – 4,00
BURRO (F)3,303,323,323,32
BURRO (NL)3,303,303,303,30
SMP USO ALIMENTARE (D)2140 – 22602140 – 22402130 – 22302100 – 2250
SMP USO ALIMENTARE (F)2160216021602170
SMP USO ALIMENTARE (NL)2150214021302130
SMP USO ZOOTECNICO (D)2050 – 20702050 – 20702030 – 20502020 – 2040
SMP USO ZOOTECNICO (NL)2070207020602040
WMP (D)2730 – 28302730 – 28302700 – 28002700 – 2800
WMP (F)2660266027002700
WMP (NL)2750274027202710
SIERO IN POLVERE USO ALIMENTARE (D)800-840800-840780-840780-840
SIERO IN POLVERE USO ZOOTECNICO (D)740-760720-740700-720680-700
SIERO IN POLVERE USO ZOOTECNICO (F)730730700690
SIERO IN POLVERE USO ZOOTECNICO (NL)750740730710

 Produzione di latte dei principali Paesi esportatori

Export Nuova Zelanda
Le esportazioni della Nuova Zelanda a ottobre sono diminuite rispetto allo stesso mese 2019, che aveva registrato forti aumenti, a causa anche delle minori spedizioni verso Cina e Sud-Est Asiatico; in calo anche i primi dieci mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2019. Dopo quattro mesi di aumenti, a ottobre le esportazioni di WMP sono diminuite, soprattutto verso la Cina (-17% ott.’20/ott.’19), mentre sono aumentate le spedizioni nel Sud-Est Asiatico (+3%) e nei Paesi MENA (+31%). Nei primi dieci mesi del 2020, l’export di WMP in Cina, che detiene più di 1/3 delle quote di mercato, resta stabile, mentre le altre due principali destinazioni, Pesi MENA (19% del mercato) e Sud-est asiatico (18% del mercato), hanno ridotto i volumi acquistati rispettivamente del -2% e dell’8% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Export Argentina
In ottobre, le esportazioni argentine di tutte le materie prime sono aumentate a doppia cifra. L’incremento per il WMP è rallentato in ottobre rispetto ai cinque mesi predenti dove sono stati spediti volumi impressionanti. Resta forte la domanda brasiliana (+241% ott.’20/ott.’19), mentre l’Algeria cala gli acquisti ad ottobre ma nel 2020 ha raddoppiato i volumi, superando quelli notevoli del 2018.  

Emanuela Denti e Lorenzo Petrilli 
ASSOCASEARI

Author ASSOCASEARI

More posts by ASSOCASEARI

Leave a Reply