IL MERCATO LATTIERO-CASEARIO SETTIMANA 30 MAGGIO – 5 GIUGNO 2020

IL MERCATO LATTIERO-CASEARIO DI QUESTA SETTIMANA
Settimana molto corta con mercati relativamente calmi.

– Latte crudo estero offerto poco, tra 0,34 €/kg di alcuni Paesi e 0,38 €/kg della Germania, latte scremato offerto a 0,23 €/kg e la panna mercoledì mattina offerta a 1,76 €/kg la tedesca che poi nel pomeriggio è scesa a 1,68 €/kg, comunque ben più alta di altre panne che si potevano ottenere a 1,64-1,65 €/kg. Suddetti prezzi si intendono reso Nord Italia. 
Sul mercato nazionale, continua a permanere l’effetto delle riaperture tanto delle gelaterie, quanto delle pasticcerie e un po’ anche dell’Ho.re.ca. Prezzi ancora in tensione, con latte crudo trattato da 0,345 fino a 0,36 €/kg e spicci, latte scremato tra 0,21 e 0,23 €/kg abbondanti e la panna nazionale di qualità è arrivata a raggiungere picchi massimi fino a € 0,08 sopra il bollettino. 

– Come molti si aspettavano, dopo aver ottenuto un nuovo prezzo dalla GDO tedesca elevato rispetto le aspettative del mercato, di 3,20 €/kg per il mese di giugno, il bollettino del burro di Kempten questa settimana è rimasto invariato a 3,00 e 3,15 €/kg. Invariato, a 3,17 €/kg, è rimasto anche il bollettino francese dopo l’aumento di 0,24 di settimana scorsa. L’unico bollettino ad essere salito questa settimana, ma era rimasto indietro prima, è quello olandese che con un aumento di € 0,12 si porta a 3,10. La media di questa settimana dei tre bollettini è di 3,115 €/kg. Praticamente Milano, con il suo 3,10 €/kg era da tempo che non era così allineato.
Sul mercato ci sono offerte di tutti i generi, da chi chiede per un burro di centrifuga ben oltre i 3,45 €/kg e chi invece offre a 3,33 €/kg, prezzi comunque superiori ai bollettini, che come sempre registrano in ritardo le variazioni e che dovranno adeguarsi. Molte anche le offerte di burro di siero ai prezzi più svariati.
La leggera flessione della crema, così come questo aumento di offerte di burro ai livelli di prezzo più disparati, ci lascia sicuramente pensare che vi sia molta confusione sul mercato, ma ci lascia anche sperare che abbia temporaneamente raggiunto i massimi e cerchi di capire a che livello assestarsi.
Questa settimana sono state stoccate circa 5.800 Tons, di cui 2.200 in Olanda, 1.400 in Irlanda e 1.000 in Germania. Al momento risultano stoccate circa 36.800 Tons.

– Bollettini del latte in polvere in aumento in Germania, tutte le voci, in Olanda lo scremato ma invariato l’intero e in Francia in aumento l’intero e invariato lo scremato.
Sul mercato vi è abbastanza offerta a prezzi che vanno da 2.200 a 2.400 €/Ton addirittura. 
Sempre ridicoli i quantitativi consegnati all’ammasso privato, 990 Tons di cui 970 Tons tedesche e 22 Tons della Repubblica Ceca. In totale allo stoccaggio privato di latte in polvere in quattro settimane sono state consegnate circa 5.800 Tons.

– Sul siero in polvere i tre Paesi la pensano i tre modi diversi, con la Germania che diminuisce quello per uso zootecnico e lascia invariato quello per uso alimentare, l’Olanda che resta invariata e la Francia che sale ma c’è anche da dire che era rimasta indietro nelle settimane precedenti.

– In continuo calo le quotazioni medie dei bollettini europei dei formaggi: Gouda a 3,05 €/kg, Edamer a 2,89 €/kg, Cheddar a 3,00 €/kg ed Emmentaler, che perdendo ben € 0,44, va a 5,17 €/kg. 
In Italia, continua anche questa settimana il calo delle quotazioni del Grana Padano e del Parmigiano Reggiano nelle principali Borse Merci.
Questa settimana sono state stoccate 2.500 Tons circa di formaggio e in totale vi sono all’ammasso privato 40.300 Tons, cioè il 40% del quantitativo potenzialmente stoccabile. Irlanda, Spagna, Italia, Svezia e Regno Unito hanno raggiunto il 100% del quantitativo massimo stoccabile. 

Dopo la consueta tabella dei prezzi settimanale, segue approfondimento sull’import giapponese e l’export neozelandese.

Week 23Week 22Week 21Week 20
BURRO (D)3,00 – 3,153,00 – 3,152,90 – 3,002,75 – 2,85
BURRO (F)3,173,172,932,80
BURRO (NL)3,102,982,852,65
SMP USO ALIMENTARE (D)2100 – 22002050 – 21201980 – 20801920 – 2060
SMP USO ALIMENTARE (F)2030203019301930
SMP USO ALIMENTARE (NL)2170207020001980
SMP USO ZOOTECNICO (D)1960 – 20001920 – 19601870 – 18901810 – 1830
SMP USO ZOOTECNICO (NL)2030193019001850
WMP (D)2580 – 27402550 – 27102530 – 26902530 – 2670
WMP (F)2600247027302570
WMP (NL)2600260026002580
SIERO IN POLVERE USO ALIMENTARE (D)860-910870-900870-900860-890
SIERO IN POLVERE USO ZOOTECNICO (D)720-750740-770730-760680-720
SIERO IN POLVERE USO ZOOTECNICO (F)730710700700
SIERO IN POLVERE USO ZOOTECNICO (NL)750750750720

Import Giappone
Ad aprile, le importazioni giapponesi di formaggio sono diminuite del 16% rispetto allo stesso mese 2019, che però aveva registrato elevati quantitativi in quanto era il primo mese dell’anno contingentale dopo l’entrata in vigore dell’Accordo di Libero Scambio tra UE e Giappone. Nel primo quadrimestre 2020, l’import di formaggio è calato del 12% rispetto allo stesso periodo 2019. La UE continua ad essere il principale fornitore di formaggio (37%) e ha guadagnato nuove quote di mercato. Mentre l’import del burro è calato, -33% apr.’20/apr.’19 e -13% genn-apr’20/genn-apr’19, quello del latte scremato in polvere è aumentato (+49% apr.’20/apr.’19), trainato principalmente dalle maggiori spedizioni dagli Stati Uniti. Anche il lattosio e il siero di latte sono cresciuti in aprile, rispettivamente +5% e +4% rispetto allo stesso mese 2019.

Export Nuova Zelanda
Nonostante la forte domanda cinese, le esportazioni neozelandesi sono state deboli nel primo quadrimestre 2020  a causa, principalmente, delle minori spedizioni verso il sud-est asiatico e i Paesi MENA (Medio Oriente-Nord Africa). Il WMP è diminuito per il 5° mese consecutivo (-1% apr.’20/apr.’19), portando il primo quadrimestre a -8% rispetto allo stesso periodo 2019. Dopo 6 mesi di calo, l’SMP è aumentato del 2% apr.’20/apr.’19, ma il primo quadrimestre è ancora inferiore del 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Diminuisce anche l’export di formaggio, -21% sia apr.’20/apr.’19 che genn-apr’20/genn-apr’19, e di burro, -20% apr.’20/apr.’19 e -4% genn-apr’20/genn-apr’19.

Emanuela Denti e Lorenzo Petrilli ASSOCASEARI

Author ASSOCASEARI

More posts by ASSOCASEARI

Leave a Reply